Padre Giovanni Soggiu, la vera storia

 

 Nasce nel 1883 in Sardegna da genitori esemplarmente cristiani, e fin dalla fanciullezza si sente attratto da sentimenti di bontà e di religiosità.   Se ne rende sempre più consapevole negli anni dei suoi studi superiori proseguiti fino al conseguimento della laurea in leggi, rivelandosi studente esemplare per la sua integrità morale e spirituale.
Nel 1908-1909 può realizzare la sua aspirazione allo stato religioso e sacerdotale entrando nell’Ordine dei Frati Minori Conventuali nel convento di S. Francesco di Oristano e professando la regola francescana.
Al termine del corso teologico riceve il presbiterato nel 1912 e conclude la sua preparazione dottrinale con la laurea in teologia. Nel 1914, per intesa tra i superiori ed il vescovo di Bosa, p. Soggiu è già gia parroco zelante stimato dai fedeli. Scoppia nel 1915 la prima guerra mondiale e il p. Soggiu richiamato al servizio militare viene a trovarsi fino al 1918 cappellano militare al fronte, sempre dedito a prestare assistenza spirituale e premuroso soccorso ai soldati, sfidando ogni pericolo. Oltre la gratitudine dei soldati riceve ufficiali riconoscimenti con due medaglie al valore.
Rientrato in Sardegna, assume nel convento di San Francesco di Oristano vari uffici di delicata responsabilità; nel contempo esercita anche un fruttuoso ministero sacerdotale come guida spirituale dei fedeli e predicatore della parola di Dio.
Nel 1925 parte missionario per la Cina a capo di un gruppo di confratelli chiamati ad aprire la nuova Missione di Hingan nello Shensì. Dopo tre anni di fervente attività evangelizzatrice, la Missione viene elevata al grado di Prefettura Apostolica e p. Soggiu è nominato Prefetto Apostolico. Prima come Superiore della Missione e poi come Prefetto Apostolico egli si fa amare come padre da tutti i missionari e, per la sua affabilità e saggezza, dai cinesi cristiani. E stimato anche dai cinesi non cristiani per la sua benefica bontà.
Il 12 novembre 1930 Mons. Soggiu, dopo aver compiuto una memoranda visita pastorale a Shichuang, che nel frattempo era stata assediata dai briganti, sente di dover rientrare in sede dove era atteso; approfittando di una tregua dell’assedio affronta il viaggio accompagnato dal domestico cristiano e da due portatori, uno catecumeno e il secondo pagano. Ma a metà strada viene intercettato da un gruppo di briganti operante presso i monti di Hanyn e notoriamente feroce. I briganti, pur consapevoli dell’identità di Mons. Soggiu, ben palese dai biglietti da visita presentati da lui e dagli accompagnatori e confermata da spiegazioni orali, non esitano a derubarlo di quanto ha e a pretendere 3000 dollari per il suo riscatto; infine lo colpiscono a morte con ripetute lanciate. Insieme a lui vengono uccisi anche il domestico cristiano e il portatore catecumeno.
La notizia del tragico evento giunge il 20 novembre a Roma e immediatamente si diffonde in tutta Italia e in tutto l’Ordine dei frati Minori Conventuali, ovunque nel mondo essi hanno conventi. Da notizie più precise sulla morte di Mons. Soggiu, giunte dai missionari di Hingan, appare chiaro che egli abbia affrontato la morte per testimoniare l’assoluta fedeltà al mandato apostolico missionario dimostrata con eroico zelo.
Solenni riti di suffragio si celebrano in molte città, e specialmente a Roma, Assisi, Padova e in Sardegna. A Hingan i riti funebri si celebrano il 24 maggio 1931, presieduti da Mons. F. Tessiatore in rappresentanza del Delegato pontificio a Pechino Mons. Costantini; per l’occasione era presente la salma della vittima. La solennità del rito fu tale da apparire come un pubblico trionfo di quella gloriosa morte. La fama del martirio di Mons. Soggiu si perpetua a lungo negli anni successivi fino ad oggi, quando si rende più vivo che mai l’auspicio della sua glorificazione da parte della Chiesa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...