Come ricordo mia madre

Ricordo mia madre vecchia e stanca

curva sotto il peso dei suoi novant’anni.

Era affetta da amnesia

e quando andavo a trovarla

non mi riconosceva;

ma appena le dicevo

che ero sua figlia

le si accendevano gli occhi,

mi prendeva le mani

e le baciava ripetutamente.

A stento trattenevo le lacrime.

Son trascorsi venticinque anni

dalla sua morte

ma per me è sempre viva.

E’ a lei che ogni giorno

elevo il mio pensiero

e la mia preghiera.

E’ a lei che confido

le mie gioie e i miei dolori,

ricevendone sempre conforto.

Un commento

  1. Piena di dolcezza questa poesia…La mamma Rimane con noi sempre, illuminando i momenti bui e sorridendo con noi quando siamo felici. Anche quando non ci è più accanto fisicamente. La mia mamma la ricordo così, è il primo ricordo che ho di lei.Sulla sogliatrattengo la bimba.Seduta sul tavolo,scrosto un raggio di sole,una risata solleva il pulviscoloe ti ricopre di me.Sul tuo morbido ventrei miei piedi scalpitanoreclamando un fiocco rossoper andare lontano.Mi allacci le scarpementre con mani segnate,mi stingo alla tua carezza..CiaoGirasole

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...