Nubifragio a Genova

Genova si sveglia,
mentre un nubifragio si abbatte sulla città.
La pioggia torrenziale
penetra nelle cantine, negli interrati,
nei terreni coltivati.
La popolazione è atterrita, smarrita,
non si rende conto di ciò che sta succedendo.
L’angoscia prende tutti:
giovani, vecchi e bambini.
I media inviano continui messaggi
per mettersi in salvo
ma molte persone sono isolate,
lontano dalle comunicazioni.
Per loro è la disperazione:
vedono la morte pronta a ghermirli.
Riflettiamo su queste calamità,
che non sono soltanto naturali,
ma ci fanno pensare anche
alle conseguenze di una vita
vissuta in contrasto con la legge morale.
6/11/2011

Il risveglio della coscienza
Continua la lotta contro il fango che  invade ogni angolo della città. Gli abitanti dei locali al piano terra sono all’opera e con loro, tanti giovani volontari in una gara di solidarietà. Anche famiglie in contrasto tra di loro, superando gli handicap, si sono dati la mano per lavorare insieme per il bene comune.
Dal fango della discordia emerge il fiore della concordia e della pace.
8/11/2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...